sabato 25 luglio 2015

Un paio di cosine che l'ortolano deve fare in estate

Il caldo atomico di questa clamorosa estate e il richiamo delle vacanze non sono una scusa per abbandonare orti e giardini, anzi! In queste settimane ricordatevi un paio di cosucce di cui, nei prossimi mesi, farete tesoro:
- sfoderate buste e bustine e andate a raccogliere i semi che ora stanno maturando nelle vostre prode e nelle vostre aiuole. Aquilegie, lunarie, clematidi, papaveri, nigelle, stanno seccando baccelli e silique al sole. Pomodori, melanzane, cetrioli e tanti altri ortaggi stanno maturando assieme ai loro semi. Vi saranno preziosi in autunno e in primavera per le prossime semine e per effettuare scambi con altri ortolani;

Capsule di aquilegia

Nigella
- attingete compulsivamente dal freezer ghiaccioli e cremini e altri goduriose leccornie che refrigerano i momenti di calo di zuccheri? tenete d'acconto gli stecchini di legno, che si riveleranno utili segnanome per piantine e semenzai (sono anche bellini);


- tra un paio di settimane, buttatevi a pesce sui garden center, che un po' come gli altri negozi in questo periodo di magra colgono l'occasione per svendere i rimasugli e liberare i magazzini. E' l'ora dei saldi, e tra attrezzi, vasi ingombranti, arredamento per esterni e libri potreste incappare in opportunità in cui non avreste mai sperato.

4 commenti:

  1. Grazie dei preziosi consigli Marta!
    Per i semi già ho iniziato... ma ne ho parecchi ancora da raccogliere.
    Per il buttarsi a pesce, aspetterò con ansia il momento giusto! ;-)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando, in senso metaforico :-D

      Elimina
  2. grazie Marta. E' sempre ottimo ricordare :-) Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te maria Teresa, buona domenica, qui oggi c'è un po' di vento.

      Elimina

A causa di troppi messaggi spam, ho dovuto impedire i commenti di anonimi.