giovedì 22 maggio 2014

Meno male che ci sono le rose romantiche

Cosa sembrerebbe il mio orto-giardino se non ci avessi piantato delle rose? Un pezzo di terra diviso a rettangoli dove perfino l'erba fa schifo. I miei risultati giardinicoli di quest'anno, infatti, non sono propriamente confortanti:
- i semenzali di zinnie nane e di altre annuali sono state rasate a zero dalle lumache;
- le semine di rampicanti non sono proprio germogliate. Forse, in alcuni casi, ho usato semi troppo vecchi;
- la camomilla è stata seminata due volte ma non ha voluto dare il benchè minimo segnale di vita. In compenso, penso per sbeffeggiarmi, ne è nata una piantina per i cavoli suoi in un'altra aiola, dove non avevo sparso niente, ma forse c'era qualcosa lasciato dalle piante dell'anno scorso;
- il prato è verde a macchie grazie alla presenza di un po' di gramigna e a qualche altra pianta selvatica. Seminato, le formiche hanno pensato bene a impossessarsi di tanta manna portandoselo nella tana con un tragitto sottile e nero che attraversava metà giardino, e che spariva in un buchetto sotterraneo sotto una lastra di marmo;
- alcune perenni erbacee che mi sono procurata l'autunno scorso non si sono ripresentate all'appuntamento di primavera: molte echinacee, ad esempio, non sono proprio sbucate dal terreno. Altre  stanno ripartendo ora dopo essere state attentamente decapitate da chiocciole e limacce per almeno due volte. E che caspita.


Se non fosse per la presenza di due rose Tantau, il mio giardino in questo periodo sembrerebbe un po' sconsolato.
La prima, di cui mi sono innamorata "per procura", vedendone l'immagine su un manuale, e che poi ho acquistato ad Orticola 2013, è la "Nostalgie" (che non so se si pronunci alla tedesca nòstalghi o alla francese nostaljì, e allora io la chiamo nostalgìa, così sa un po' di canaglia):


Bella, con questi fiori quasi magici, robusta, sana, a cespuglio compatto, e pure profumosa.


La seconda Tantau, arrivata quest'anno, l'avevo intravista in esposizione in un vivaio un mese fa, in mezzo ad altre rose stupende. Lei però aveva un tocco d'oro al centro del fiore, un profumo irresistibile, una grazia delicata nello schiudere i boccioli... Rosa Chippendale, che solo dopo averla portata a casa ho scoperto essere un'altra Tantau:


Rosa Chippendale, Tantau 2005, è una floribunda arbustiva dalla crescita forte e robusta e fogliame verde brillante. Appena messa a dimora a metà aprile si è subito ambientata e accresciuta. I fiori, di colore rosa-arancio scuro, dalla forma piena a coppa antica, in base alle condizioni climatiche ed allo stadio di fioritura mutano da un giallo pesca ad un rosa albicocca o rosa brillante. Rifiorisce molto bene ed ha un inizio molto precoce. Un po' soggetta agli afidi, ma non se ne fa scoraggiare.

 
Le rose nostalgiche sono rose molto eleganti e dai fiori generalmente doppi, profumati o non. Ottime per ricavarne fiori recisi, stanno bene coltivate in piccole masse. Di aspetto "romantico", devono la loro produzione e la sempre più diffusa commercializzazione al successo strepitoso ottenuto dal celebre David Austin che, negli anni Settanta, dopo decenni di declino delle rose antiche e vecchio stile non rifiorenti, a fronte della diffusione delle più robuste ibride di tè, lanciò le cosiddette Rose Inglesi, incrocio tra rose antiche, ibridi di Tè e Floribunda. Assieme a lui, anche altri rosicoltori accettarono la sfida: Graham Stuart Thomas, Peter Beales, Gerd Krussman, Lorès, André Eve ricostituirono negli anni un patrimonio storico di varietà di rose che stava andando perduto. 
I vivai Tantau, Schultheis, Meilland e Harkness fanno parte della schiera di quelli che, ispirandosi a queste nuove tendenze, immettono sul mercato nuove rose resitenti al gelo, alle malattie e allo stesso tempo capaci di produrre corolle importanti e dai colori luminosi.
Un esempio è appunto "Nostalgie", presentata nel 1995. Profumata, adatta alla coltivazione in vaso e in piena terra, vuole il pieno sole ed apre fantastici fiori globosi dal centro bianco-crema e i bordi rosso-cicliegia, che si scuriscono (diventando sempre più rossi) in base alla quantità di sole che ricevono. La pianta raggiunge il metro di altezza, ed ha bellissime foglie verde scuro su cui le rose, bicolori, spiccano benissimo. Sebbene, per il portamento alto e compatto e la predisposizione al fiore da taglio, la "Nostalgie" sia di solito classificata come rosa da bordura, l'aspetto dei fiori dalle corolle ampie e seducenti la fanno rientrare tra quelle definite "Noble".


In genere, infatti, si tende a distinguere, tra le tante categorizzazioni che si possono fare delle rose da giardino, tra quelle da bordura, a loro volta divise tra "Polyantha" e "Floribunda", e le "Noble", rose classiche ma anche delicate. Le nuove varietà che continuano a comparire oscillano tra uno e l'altro gruppo, e spesso è difficile assegnarle ad uno specifico (come nel caso della "Nostalgie", che ha il portamento da bordura e il fiore da nobile).
Sono rose da bordura: "Aprikla", "Bonica 82", "Edelweiss", "Escapade", "La Sevillana", "Leonardo Vinci", "Queen Mother", "Sommermorgen". Fanno parte delle rose noble: "Barkarole", "Belle Epoque", "Erotica", "Gloria Dei", "Montezuma", "Rosemary Harkness", "Silver Jubilee", "Typhoon".

Faccio la saputella in rodologia, ma in realtà prendo queste informazioni da un ottimo manualino: Rose. Piccola enciclopedia. Varietà, origini, accostamenti, coltivazione, di Andrea Rausch, ed. Gribaudo, trad. italiana del 2005. Qua e là sono dispensati consigli vari sulla coltivazione e sull'uso culinario delle rose.
Ho consultato anche il libriccino fotografico: Rose, Paul Starosta e Eléonore Cruse, ed. De Agostini, 2002.

Nostalgic Roses is a variety of Rose that stands for: large flowers, perfume intense (but sometime no perfume), many sweet colors, varieties healthy and bushy. They look very romantic. I got two nostalgic roses in my garden, "Nostalgie" and "Chippendale" (both from Tantau plant nurseries). Nostalgic Roses have been producted after the great success of the creations of David Austin, the English Roses. Austin revalued the ancient roses, forgetted by gardeners after the discovery of the Tea Roses.

9 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie! Fanno tutto da sole! :-D

      Elimina
  2. Rose meravilgiose! grazie per questa bella visione
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stessa con loro mi lustro gli occhi tutte le mattine!

      Elimina
  3. In questo mese, tutti pazzi per le rose, belle, romantiche, profumate!

    RispondiElimina
  4. Ne ho comprate due piante per la mamma.....

    RispondiElimina
  5. " a santa rita ogni rosa è fiorita"
    vedo solo adesso che il post ha la data del 22 maggio.
    bella coincidenza!
    ciao
    p.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi vergogno a dirti che me ne sono ricordata solo il giorno dopo!

      Elimina

A causa di troppi messaggi spam, ho dovuto impedire i commenti di anonimi.