domenica 14 ottobre 2012

Perenni fiorite per l'autunno.

Tempo fa, sono venuta a sapere che, presso i vivai  Priola di Treviso, il 13 e il 14 ottobre si sarebbero tenute due giornate di "porte aperte" al pubblico con orario continuato. Per l'occasione, la mattina delle stesse giornate, erano in calendario dei convegni con ospiti Francesca Caotorta Marzotto e Libereso Guglielmi. La prima è l'autrice di "All'ombra delle farfalle in fiore", libro che ho davvero apprezzato. Il secondo ha scritto "Il giardiniere di Calvino", prossimo nella mia wish list. Per un paio di mesi, ho, si può dire, sognato di partecipare ad almeno uno degli incontri. Ma per questioni lavorative e familiari, ho dovuto accontentarmi di fare un giretto in vivaio ieri pomeriggio, con marito e mamma al seguito.
Il vivaio, per l'avvenimento, era decorato da lunghe aiole colme di settembrini viola, rosa e bianchi e splendide graminacee. Qua e là, vecchie sedie e tavolini in stile country che rendevano l'atmosfera romantico-chic (si usa dire così adesso, no? Fa fashion...). I funghi che vedete nella foto sono di legno: lo preciso perchè magari qualcuno si impressiona.
Un angolo del vivaio era dedicato ai frutti antichi, un altro a varietà curiose e raffinate di erbe aromatiche. E poi, tutte le innumerevoli perenni (il vivaio è specializzato in questo), comprese le già nominate graminacee e gli arbusti. Inutile dire che mi sono data alla pazza gioia.
Da subito, sul carrellino (lì non ci sono i tradizionali carrelli da supermercato, ma veri e propri carretti a due ruote, tipo piccole carriole), dicevo, sul carrellino hanno immediatamente trovato spazio due rose: Rosa Cubana (marchio registrato; rosa profumata e dalla fioritura ricca, con petali di un sublime colore rosa-albicocca - nella foto a lato) e Rosa chinensis mutabilis (un super classico; i fiori, mano a mano che si aprono, mutano dolcemente il colore tra le tonalità rosa, giallo chiaro, rosso. La pianta è arbustiva e sempreverde). In vivaio, ho visto disponibile in fiore anche la celebre Rosa Iceberg (rifiorente, profumata, petali bianco crema), intorno alla quale gironzolavano più clienti che api...
Altre specie in fioritura che ci siamo portati a casa: Coreopsis Cranberry Ice (nella foto in alto; grandi fiori rosso mattone con punte bianche, straordinaria varietà) e Anemone hybrida "Queen Charlotte" (portamento alto, petali semidoppi rosa chiaro, fioritura tra settembre e ottobre). Dalle aiole, ho prelevato una Callicarpa Dichotoma Issai. Nella foto a fianco, guardate che meravigliose bacche viola, di piccole dimensioni!
Sono diventati miei anche due esemplari di Tricyrtis: le varietà esposte erano quasi tutte in fiore. Un altro spunto per un autunno meno malinconico. Se vi ricordate, avevo messo in giardino questa primavera qualche piantina, ma non era nato niente. Una delusione.
Grande ammirazione da parte nostra ha riscosso la collezione di Heuchera, una più bella dell'altra: mia madre era indecisa tra un esemplare con le foglie color caramello e la Peache Flambe, dalla tinta più arancio: ha vinto la seconda.
Tra una cosa e l'altra, il carrellino ha fatto presto a riempirsi:


No, cosa avete capito?! quello lì sopra era in esposizione, il nostro era questo:


Se vi siete persi questo evento, non disperate, il vivaio sarà presente anche alla manifestazione "Due giorni per l'autunno" al Castello di Masino, Torino, il 20 e il 21 ottobre. Oppure, se avete problemi a raggiungerlo perchè è distante da casa vostra, potete ordinare on line. Il catalogo è su internet, illustrato.

6 commenti:

  1. Ma dai... anche tu eri a una mostra di fiori nel week end?
    Io sono andata a Colorno e sto preparando il post.
    La cosa che mi ha attirato di più sono state proprio le heuchere e ne ho comprata una che forse è quella che tua mamma non ha comprato: la crème brulè!
    Ciao Marta, buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto il tuo post per fare il confronto!

      Elimina
  2. Molto belli anche i fiori autunnali.Non andrò a Masino anche in autunno, non mi tentare, ho una montagna di bulbi da interrare e una serie di lavori nell'orto, non ci posso andare, purtroppo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho scritto di Masino pensavo proprio a te, perchè mi ricordavo del tuo post primaverile! E' vero, l'orto e il giardino portano via tantissmo tempo, e costringono a delle scelte... ma poi ci ripagano!

      Elimina
  3. questi posti invogliano un attimo e ti porteresti tutto a casa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì meglio lasciare il portafogli a casa prima di partire...

      Elimina

A causa di troppi messaggi spam, ho dovuto impedire i commenti di anonimi.