domenica 27 ottobre 2013

Libri che ho letto di recente


Il giardiniere inglese - di Masolino d'Amico, ed. Skira, 2013, pp. 88, euro 13,00. Un ragazzo americano si reca da un professore inglese, di cui ha seguito in passato delle lezioni di letteratura, per intervistarlo in merito a un argomento su cui vorrebbe creare la sceneggiatura per una fiction televisiva: i grandi giardinieri inglesi del Sette-Ottocento. Il professore illustra all'ex studente, nell'arco di due giorni, l'esistenza e le opere di quello che è considerato il più grande paesaggista d'oltre Manica, Lancelot Brown (1716-1783), detto "Capability" per la sua bravura e per la sua fissazione nel cercare le soluzioni migliori per i suoi progetti nelle capacità, cioè nelle possibilità, nelle predisposizioni intrinseche dei parchi stessi sottoposti alle sue cure ad essere resi più belli.
Non un libro di giardinaggio spicciolo, non un romanzo, ma un lungo racconto scritto da un profondo conoscitore della cultura inglese. Un po' deludente il finale, perchè l'esile trama su cui il libro si sviluppa è giusto uno spunto per poter parlare di Capability Brown, e non "porta" da nessuna parte.


Piccoli giardini - progettare e coltivare terrazi e spazi verdi - di Andrew Wilson per la Royal Horticultural Society, ed. DeA, 2013, pp. 224, euro 20,00. Per inesperti, ma consigliatissimo a tutti. Il libro illustra in modo approfondito come creare un piccolo spazio verde cominciando dalle basi, come il tipo di terreno e il clima, passando dal progetto alla scelta dello stile e dei materiali, e spiegando come inserire elementi come l'acqua per renderlo perfetto. Tanti suggerimenti per facilitare le varie operazioni di costruzione e per disporre le piante per dare vita ad effetti ottici o per abbinarle correttamente. Un manuale di agile consultazione. Mi è piaciuto il fatto che l'autore, esperto di giardini in stile moderno, non sia ricorso alle solite foto di giardini country o con arredamenti shabby chic: stili meravigliosi ma di cui ultimamente, sul web, si usa e si abusa. Al limite della smelensaggine.


Giardino mania - di Philip de Bay & James Bolton, Federico Motta editore, 2001, 58.000 lire, pp. 400. L'ho acquistato usato, in una libreria che credo sia affiliata a Libraccio.it. Una raccolta di stampe antiche, dal Rinascimento fino al Novecento, riguardanti tutti gli aspetti del design del giardino: dai padiglioni alle serre, agli utensili da giardiniere alle cancellate alle fontane e ai vasi. Un volume di illustrazioni per appassionati del settore.

***

Da lunedì sarò piuttosto occupata per tutta la settimana: chiedo scusa se non risponderò tempestivamente ai messaggi e ai commenti di amici blogger e lettori.

10 commenti:

  1. ho provveduto a pubblicizzare i libri.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Vedo che ti piace leggere!

      Elimina
  2. Che brava Marta a trovare anche il tempo di leggere!
    Terrò conto dei suggerimenti per le sere d'inverno, grazie mille!
    Ti mando un bacione grosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho giusto un quarto d'ora mentre viaggio col treno verso il lavoro! C'è chi legge prima di dormire, io non ci riesco, stramazzo dal sonno!

      Elimina
  3. Penso che I libri siano una grande ricchezza, una delle gioie della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono periodi in cui non trovo veramente di meglio per dare senso alle giornate.

      Elimina
  4. ciao, anche tu appassionata di libri sul giardino, ho appena comperato "il giardiniere inglese" ma non ho ancora avuto modo di leggerlo, mi incuriosisce molto ivare per trovarlo,"giardinomania" non lo conoscevo proprio, mi devo attivare per trovarlo, è fatto bene? ciao Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il giardiniere inglese gustatelo con calma, bisogna apprezzare il ritmo rilassato dello stile di d'Amico, le atmosfere del paesaggio britannico ricreate dalle sue parole. Giardinomania compralo se lo trovi a un prezzo basso, è per collezionisti.

      Elimina
  5. Piccoli Giardini... sono sempre alla ricerca di libri con tante fotografie di spazi organizzati a terrazzo o piccoli giardini, e non ce ne sono così tanti... quindi grazie del consiglio!
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì? Allora vedrò di trovare il tempo per un post sull'argomento. Mi fa piacere vedere tanto interesse per i libri di giardinaggio.

      Elimina

A causa di troppi messaggi spam, ho dovuto impedire i commenti di anonimi.